indietro indice avanti

S. Pietro

Qualche notizia: Una prima basilica la iniziò Costantino sul primitivo oratorio sopra la tomba di San Pietro. Nicolò V, nel 1440, volle ricostruire la basilica che già esisteva da undici secoli e incaricò del progetto Bernardino Gambarelli detto "il Rossellino" e L.B. Alberti. Continuò l'opera il papa Paolo II e poi Giulio II che commise di terminare l'opera al Bramante. Questi volle una cupola (su una basilica a pianta latina) che superasse quella del Brunelleschi a Firenze; la cupola era grandiosa ma, fabbricata troppo frettolosamente, dovette essere abbattuta. Seguì Leone X che chiamò Giuliano da Sangallo e Raffaello. Importanti interventi di stabilità furono effettuati in anni successivi dal Sangallo che permisero di sorreggere la celebre cupola che ormai Michelangelo stava preparando. Finalmente Paolo V fece terminare l'edificio incaricando Carlo Maderno che aggiunse il portico, su cui si aprono 5 grandi porte (una delle quali è quella del Giubileo) e la facciata. La celebre piazza è contornata dal colonnato del Bernini che consta di trecento colonne su quattro file distanziate a sufficienza da far passare i cortei con le carrozze. La navata della basilica è lunga 186,98 e la volta è alta 48 metri, sul pavimento sono riportate le grandezze delle più grandi basiliche del mondo. All'interno numerosissime sono le opere d'arte tra cui la "Pietà" di Michelangelo, il baldacchino dell'altare centrale alto 29 metri e le tombe dei Papi.

S. Pietro
   
©2003-2006PietroCeschel | il perché del sito | invia un messaggio | email