Basilica molto antica che si fa risalire al 352 d.c.

Si narra che papa Liberio, nella notte del 4 Agosto, ebbe la visione della madre di Cristo che gli comunicò di avere il desiderio che si erigesse una chiesa sulla sommità dell’Esquilino (monte Cispio); il giorno dopo un patrizio romano raccontò al pontefice di aver avuto una visione identica. Queste coincidenze convinsero i due uomini a costruire il tempio richiesto.

La volontà della Madonna fu confermata da un altro strano avvenimento: quella mattina una buona nevicata era caduta sul Cispio ma solamente in uno spazio delimitato che fu intepretato come il luogo in cui far sorgere la chiesa.

Fu così che in principio si chiamò “Santa Maria della neve”. Un altro nome iniziale fu “Basilica Liberiana” dal nome del papa ma nel tempo il volgo la chiamò “Santa Maria Maggiore” in quanto la più grande delle chiese dedicate a Maria.

(tratto da Storia di Roma – Antares editrice)